Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Fine tour grazie per tutto Mark.
02-10-2019, 05:31 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 04-10-2019 03:32 AM da Marcospeedyvg.)
Messaggio: #1
Fine tour grazie per tutto Mark.
Inizio questo mio post con il ringraziare tutti gli utenti che hanno scritto e che in questi mesi ho incontrato dai nuovi fan ai vecchissimi come me è sempre un piacere condividere la passione con tutti voi.
Permettetemi qualche saluto particolare a Claudia a Marco a MarcoFarco a Nico a Nunzio a Ivan a Adriano fan di vecchia data come me, amici che incontro sempre con piacere. Mi dispiace che con altri non ci siamo visti ma puntualmente ci siamo sentiti. Un particolare saluto anche ai ragazzi Spagnoli (sempre avanti) che con le loro dirette ci hanno fatto gustare tanti concerti.
Ragazzi spero e non prendetevela troppo, che sia realmente tutto finito.
Per un vecchio fan come me vedere il sublime Mark, nonostante il suo voler dare il meglio, trascinarsi sul palco in questa maniera è troppo mi fa male e mi rende nervoso per alcune scelte fatte e non mi riferisco al Maestro,ma soprattutto a chi gli organizza i tour, per me pessimi, forse con meno date o più diluite nel tempo Mark poteva fare altro.
Mi mancano i suoi versi al microfono, mi mancano le sue movenze mi manca il suo egocentrismo alla chitarra,mi manca la fender, mi manca la pensa su TR, il furbacchione (benevolmente) ha coperto tante parti con fiati o arrangiamenti particolari che in me hanno provocato, a freddo, un amaro disappunto.
Con questo non voglio dire che non è stato bello, anzi diciamo, è stato coinvolgente(almeno ci ha provato) emozionante perchè forse l'ultimo, di classe, alcuni brani rispolverati sono stati una felice sorpresa a mio gusto però un po troppo riarrangiati ma di contrapposizione alcuni brani storici, in un ultima apparizione,come lui stesso nel suo pippone ha sempre detto, non possono mancare, vista la fatica, perchè di questo si tratta,di fatica, anche alternandoli di sera in sera.
Parliamoci chiaro ragazzi chi come me ha visto tanti concerti dai dIRE al Mark attuale questo non è stato il solito live dove Mark l'ha fatta da padrone io sono e spero convinto, che lui ci ha voluto salutare facendoci capire, io al momento più di questo non posso fare e io lo accetto ma.......com'è dura. Sinceramente da dopo Cesena la famosa serata intervista quando ho visto Mark, la sua fisicità precaria e dopo poco ho letto le tante forse troppe date del tour, sono rimasto perplesso, pensavo, ma ce la farà ?
Da li ho deciso di andarlo a vedere tre volte, all'inizio Milano a Londra a metà e Lucca circa alla fine del tour Europeo.
Fortunatamente ho beccato tre scalette leggermente diverse nei brani però non come mi aspettavo, con una Silvertown blues inspiegabilmente fuori, senza telegraph o sultans, per dar spazio a brani sentiti e risentiti, far cantare Danny, che ha anche una bella voce, su di un brano dove però non ci incastra nulla di nulla, dare spazio a troppi fiati,lo sappiamo che ha sempre fatto come voleva lui e anche stavolta lo accetto, ma però...........
Comunque non sto qui a recensirvi le serate, prima guardando youtube che nelle date Spagnole mi avevano fatto sperare bene, poi vedendolo a Milano dove era ancora in palla, poi Londra dove essendosi riposato e a casa sua ha fatto una seratona ,a Lucca invece mi appariva già stanco e dopo sempre guardando youtube è stato un accorciare scaletta, renderla sempre uguale, visivamente si nota un aumento di stanchezza per poi arrivare a un tour Americano monotono con un finale ridicolo per lo spessore di Mark. Io da fan avrei voluto ben altro.
Tanti pensano, questa è umiltà da parte di Mark, io dico no l'umiltà non centra nulla da uno che è stato sempre il perno centrale e non l'ha nascosto sul palco o in studio, delle sue band fin da giovane questa forma di umiltà non mi convince.
Qui c'è altro, nulla di grave ma quell'altro che gli sta a settanta anni giustamente tirare i remi in barca. E io lo accetto con l'amaro in bocca, questo momento doveva arrivare come hai detto tu "è la vita".
Spero che sia finita qui un uscita con tutti sold out con un bel album (peccato non suonato nel tour), come solo i grandi campioni fanno senza ripensamenti a me basta quello che per oltre 40 anni mi ha dato, ed è stato tanto tanto tanto.
Grazie Mark non smetterò mai di ascoltarti e Knopfleriani farà di tutto per divulgare la tua musica, sempre e solo senza se e senza ma, da queste pagine del FORUM Knopfleriani.it

Non ho voglia di imparare, mi sento perfettamente normale nel mio mondo pazzo; non voglio diventare come gli altri." C.Bukowski
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
03-10-2019, 02:35 AM
Messaggio: #2
RE: Fine tour grazie per tutto Mark.
Caro Marco,
condivido quasi tutto quello che hai scritto...
Personalmente ritengo questo tour il più deludente e me lo aspettavo... Once upon a time in the west gli ha dato un senso (silvertown che è uno dei brani più belli della discografia solista di Mark è scomparso inspiegabilmente) ma un tour d'addio senza sultans, telegraph, what it is non ha senso... Tutto visto, rivisto e ahimè, sentito risentito....
Diciamoci la verità: in tutti i tour le setlist sono sempre state iper-ripetitive (anche da tour a tour, due, tre variazioni per volta al massimo)... aspettarsi qualcosa di diverso qui sarebbe stato folle... Questo è stato il tour di Mark dove Mark è stato meno presente, forse e anzi sicuramente, anche per ragioni di età, ma sentire i fiati nelle parti che furono nella chitarra di Mark o sentire alcuni pezzi solo perché non c'è nemmeno più la necessità di provarli o perchè appunto ci sono i fiati che possono suonare su quei pezzi proprio non mi entusiasma..
Voglio pensare che Mark continuerà a frequentare i British Groove Studios dove sono convinto registrerà ancora tanti bei pezzi, gemme da studio che onestamente da un pò di tempo mi emozionano più dei suoi live (per prepare il DTRW tour, viste le "diversità" con il tour precedente penso ci sia voluto non più di una settimana): in studio la vena creativa e compositiva è più viva che mai...
Live spero in qualche esibizione o mini tour che non lo stanchino e non lo consumino, esibizioni in cui dare tutto divertendosi senza dover necessariamente preparare due ore di spettacolo (sempre uguale) da ripetere senza tregua per tre mesi...
Concludo: non fraintendetemi, è vero, ho mosse delle critiche (penso legittime, da fan che lo segue dall'età di 14 anni.. oggi ne ho 45) ma è altrettanto vero che Mark è la colonna sonora della mia esistenza, dal 1988 ad oggi in ogni evento della mia vita, bello, brutto, dolce, triste, di gioia, di dolore, di condivisione e di solitudine c'è sempre stato e ci sarà per sempre, per cui alla fine non posso che dirgli solo e semplicemente grazie...
Mark, sempre e cmq, down the road wherever

...I'll return to leave you never
be a piper to the end
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni correlate...
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
Music Compravendita biglietti tour 2019. Marcospeedyvg 6 780 17-07-2019 03:07 AM
Ultimo messaggio: v.b.
Music Tour 2019 recensioni/video/audio dei Knopfleriani presenti in trasferta. Marcospeedyvg 2 921 08-07-2019 01:30 AM
Ultimo messaggio: Done with Bonaparte
Thumbs Up Mark Knopfler World Tour 2019 date/band Marcospeedyvg 9 2,246 29-10-2018 06:42 AM
Ultimo messaggio: Gabry-MK

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)